Polonia il Progetto InterWorkingProgress. Intervista al Presidente Giuseppe Camastra

Intervista al Presidente di Conflavoro Pmi Milano, Giuseppe Camastra. Abbiamo colto l’occasione per conoscere direttamente dal Presidente le motivazioni che hanno spinto l’associazione a impegnarsi su InterWorkingProgress, progetto dedicato alle imprese della Lombardia e dell’ Italia.

Giuseppe Camastra, conflavoro pmi milanoCome nasce il Progetto InterWorkingProgress?

Ascoltando la voce sofferente degli imprenditori è emersa una questione, che verosimilmente riguarda tutte le piccole e medie imprese del territorio, dalla piccola attività a conduzione familiare a quella più strutturata con almeno 15 dipendenti. Tutte hanno le stesse richieste, ossia “vorremmo più fatturato” e “vorremmo più clienti”. Fattori necessari per salvaguardare i posti di lavoro e non arrivare dover prendere la decisione di chiudere l’azienda. Partendo da una considerazione oggettivamente chiara a tutti, cioè che la domanda del mercato interno, inteso come Italia, risulta contratta, una delle vie perseguibili è quella di sondare i mercati esteri, scegliere gli strumenti idonei a valorizzare l’azienda, individuare i giusti partner ed infine presentare il progetto alle istituzioni. Queste sono state le fondamenta del progetto InterWorkingProgress.

Perchè la scelta della Polonia?

Cito subito alcuni dati macro e di pubblico dominio. Da quando La Polonia è entrata a far parte dell’Unione europea, nel 2004 il Pil polacco è più che raddoppiato, lo stock degli investimenti diretti dall’estero è passato da 45 miliardi a quasi 200 miliardi di euro. Secondo le previsioni della Commissione Europea, quest’anno il Pil polacco crescerà del 3,7% dopo aver chiuso il 2015 in aumento del 3,6 per cento. Il deficit pubblico è da tempo sotto controllo mentre il debito supera di poco il 50% del Pil. La risposta dei numeri riscontra il fatto che ad oggi ci sono ancora ampi spazi e grandi opportunità per gli investimenti e che, di certo, il mercato polacco pare non conoscere crisi e vive ormai da diversi anni una fase di forte sviluppo che lo proietta di diritto tra i più promettenti Paesi europei in cui avviare attività di business.

Lo staff dei professionisti Conflavoro Pmi Milano, in concertazione con la segreteria confederale di Milano, si è quindi attivato analizzando prima i dati macro economici dei mercati esteri, poi minimizzando il rischio d’impresa progettuale, ed infine soffermardosi su di una questione nodale. Era necessario scegliere uno stato estero prossimo all’Italia, indubbiamente Europeo, che nel breve periodo ed a condizioni favorevoli potesse essere il valore aggiunto della già riconosciuta eccellenza Italiana, dei valori umani e di quella impronta di genialità, che ogni Italiano lascia sempre, come un segno indelebile, nel ricordi di tutti.

Perchè un’azienda dovrebbe aderire?

Perchè Interworkingprogress è ” il progetto” dedicato da Conflavoro Pmi Milano alla piccola e media impresa. Perchè è stato definito come uno dei migliori progetti di internazionalizzazione degli ultimi anni. Perchè il progetto è accessibile anche alla micro impresa d’eccellenza italiana che da sola non avrebbe la forza di competere sui mercati internazionali. Perchè il rischio economico dell’impresa è quasi zero. Perchè l’ impresa ha l’opportunità di usufruire di una campagna mediatica penetrativa nel mercato polacco. Perchè ogni azienda che aderisce al progetto Interworkingprogress ha la certezza di aprire un punto vendita ad un costo certo, che include tutte le spese possibili, in una location d’eccellenza ricevendo il supporto mediatico di un testimonial Italiano, già uomo vetrina d’eccellenza nel panorama della cucina a stella Michelin, lo chef Andrea Camastra.
Perchè è un’opportunità che ogni Imprenditore italiano dei giorni nostri ha il diritto di cogliere, per non fermarsi al sogno di espandersi ma avere la possibilità di tramutarlo in realtà.

Concludo citando un’ultimo “perchè”, riscontrabile nelle dichiarazioni del Vicepresidente commissione bilancio e componente commissione attività produttive di Regione Lombardia, il cons,. Marco Tizzoni. In un suo comunicato stampa, la piattaforma Interworkingprogress, viene definita come “il classico esempio di corretta e concreta internazionalizzazione delle nostre imprese. Continuare a produrre in Italia, tutelare e garantire i posti di lavoro ed incrementare l’export è la strada giusta da perseguire”.
La realizzazione del progetto di internazionalizzazone è stata possibile grazie al certosino lavoro coordinato dalla segreteria di direzione Confederale di Milano. La quale, ascoltando la voce degli imprenditori del territorio lombardo, ha saputo cogliere anche le “sfumature” di tutte quelle problematiche che attanagliano la vita delle imprese nel quotidiano, facendosi carico di rappresentarle ai  tavoli istituzionali, concertando infine le linee guida della piattaforma InterWorkingProgress 2.1.

Enrico Bombelli

Enrico Bombelli

Sono un consulente aziendale. Ho iniziato la mia attività sul web come Doctor Business. Il mio compito è seguire le aziende e gli imprenditori come un medico di base segue i suoi pazienti. Li seguo per tutta la durata della vita aziendale,quando serve e quando c'è bisogno, ascoltando, dando informazioni. Consiglio per eventuali esami e visite specialistiche preventive, proponendo soluzioni, gratuite o a pagamento, per risolvere problemi o fastidi.
In caso di situazioni aziendali particolari, cerco e propongo la consultazione con i migliori specialisti del settore.
Il mio lavoro, insomma, consiste nel proporre soluzioni diverse per ogni esigenza manifestata dall'Imprenditore, per migliorare e ottimizzare la sua Azienda, in tutti i settori, gestionali, finanziari e operativi.
Enrico Bombelli

Rispondi